Archivi per la categoria: riflessioni

imagesIl Natale si avvicina e io sono ancora in cerca del mood giusto. Da anni non sono più schiava del consumismo sfrenato, perché i soldi sono finiti e perché io mi sono stufata di questa frenesia che non porta da nessuna parte. Vi dirò che sono pure più contenta così. Niente più corse sfrenate alla ricerca di regali inutili per tutti nei centri commerciali, caldi e asfissianti, niente più parcheggi selvaggi in mancanza di posti auto, niente più elenchi di cene natalizie che due settimane non bastavano a farle tutte, qua regna la calma più assoluta.

Ho addobbato la casa con tranquillità, vedrò chi ho voglia di vedere, mi godrò il mio alberello illuminato con un sacco di tisane calde e qualche buon libro, cucinerò due o tre cene speciali, mi godrò il tepore della casa e in un attimo sarà arrivata la Befana.

Alla fine non ho bisogno praticamente di niente, per assaporare il gusto delle feste. Qualche calice di buon vino, il liquore giusto dopo cena, una tisana speziata al mattino, un dolce fatto in casa per colazione, qualche buon film( ho già iniziato con Babbo Bastardo), delle cenette a tema, le coccole nel lettone prima di andare a dormire, la Pinella che mi ruba gli elastici  e mangia le decorazioni dei 3 pacchetti sotto l’albero, le calze morbidose ai piedi e la musica di Natale per sottofondo sono sufficienti.

In questo periodo sto riflettendo parecchio sulle miserie dell’animo umano, perché ho la sfortuna di averci a che fare quotidianamente. Sono orgogliosa di esserne immune, di avere conquistato una visione del mondo libera da catene e schiavitù, però questo non mi aiuta a capire a fondo il problema. Non riuscirò mai a comprendere le persone avide, cieche di fronte alle sofferenze di chi li circonda. A me hanno insegnato che non basta essere più buoni a Natale, bisogna esserlo tutto l’anno. Non capisco la miopia di chi non sa vedere oltre il proprio naso, passando le giornate a compatirsi e a lamentarsi, senza nemmeno vedere le fortune che ha. Certi individui sono incapaci di compassione vera, chiusi nel loro limitato orizzonte. La povertà spirituale di questa gente e la loro aridità di cuore si può leggere ogni giorno sui giornali, vedere in tv, vivere di persona nella nostra quotidianità.

Sarebbe bello trovare sotto l’albero una visione nuova del mondo, in cui c’è posto per tutti e nessuno viene lasciato indietro. Questo sarebbe un ottimo inizio, per concludere un’annata tragica e iniziarne una all’insegna della speranza e della condivisione.

Io ci proverò.

 

Annunci

fuerte 09 309Cambiare prospettiva, cambiare vita. E’ possibile farlo senza cambiare niente?

Come si fa a rinnovare se stessi rimanendo dove ci si trova, immobili, ma pur sempre desiderosi di cambiare?

Come si può regalarsi nuovi orizzonti non cambiando mai il proprio paesaggio?

Come si riesce a lasciare una porta aperta, attraverso la quale l’universo possa entrare e stupirci con le meraviglie di cui è capace?

Come si fa?

Come si impara a lasciar andare le cose, a darci un’ennesima possibilità anche quando pare che non ce ne siano?

Come si apprende il processo del perdono, che ci mette in pace con noi stessi e con gli altri?

Come si può sorridere quando apparentemente di motivi non ce ne sono?

Come si trova la strada che porta alla felicità?

A volte, nonostante le domande che affollano i nostri pensieri paiano infinite, bisogna sapersi fermare. Fermare la mente, o meglio, star lì o osservarla, in pace. Vedere che alla fine, in quel vortice incomprensibile, l’unico punto fermo siamo pur sempre noi e da lì ricominciare, senza avere paura di sbagliare e pregando di non sbagliare troppo, con la speranza quel tanto desiderato momento di svolta ci colga, preparati o impreparati non importa, basta che arrivi al momento opportuno.

L’attimo in cui si capisce che qualcosa cambierà, che noi stessi lo faremo, regalandoci qualcosa di impagabile e irripetibile, vale l’attesa, anche quando pare che di tempo non ce ne sia più. Il tempo è la cosa più preziosa che abbiamo e, nonostante sia misurabile e prevedibile, ci regala sempre dilatazioni o accelerazioni impreviste, nel bene e nel male.

Il mio tempo è giunto, nonostante non ci sia più tempo, e questo momento di attesa curiosa, misto a timore e tremore, mi lascia ancora sperare in qualcosa di buono per me. Non importa che sia un miracolo o una sudata possibilità che finalmente mi viene concessa, basta che quel momento arrivi per salvarmi dall’insano immobilismo di questi ultimi mesi, che lentamente diventano anni che passano e non tornano più.

Ho voglia di cambiare il mio sentiero o, se proprio devo rimanerci, di trovare un modo per vederlo con rinnovato stupore.

 

 

 

 


imagesMi accorgo solo ora che il 25 novembre è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Voglio essere retorica e dire, per l’ennesima volta, che non ci si deve ricordare solo oggi delle donne e dei soprusi che subiscono.

Ogni giorno leggo sui giornali che qualcuna di noi non ce l’ha fatta, è morta, o è scomparsa, o è spirata dopo una lenta agonia, o è rimasta sfigurata o menomata in seguito alla violenza di uomo. Non è possibile che la vita di una donna possa essere in balia della violenza altrui, dei deliri, della prepotenza, dell’egoismo, della follia di un amore malato, negato, finito.

Troppo facile giustificarsi dietro a parole che cercano di dare un senso alla più insensata delle azioni. Non si può cercare una mediazione di fronte alla violenza. Una donna può sbagliare a stare con un uomo che la maltratta, ma sbagliano anche i familiari che non l’aiutano, i medici che non capiscono, gli amici che fanno finta di niente, la società che spesso ignora quanto le si presenta davanti agli occhi.

Una donna che subisce è una donna ferita per sempre, è una donna che dovrà convivere con i propri fantasmi e che spesso non avrà nessuno con cui confidarsi. Le cicatrici che si porta dentro sono dolorose e rovinano tutto quello che è la sua vita. Non bisogna più permettere che accada. Dietro a una donna maltrattata, se non morta, ci sono dei figli segnati da questi eventi tragici, ci sono famiglie distrutte che non riescono più a ritrovare un senso.

Una donna ferita perde la fiducia, la speranza, la voglia di vivere. Una donna maltrattata si trova spesso sola, condannata al silenzio della vergogna, delle paure, delle insicurezze. Gli occhi di una donna maltrattata parlano, se si ha la forza e il coraggio di sostenerne lo sguardo.

Dobbiamo impegnarci tutti perché queste violenze finiscano. Ogni anno le cifre aumentano, parlano di morti cruente, di sparizioni, di cattiverie inaudite, di soprusi psicologici, di ricatti.  Non è possibile che chi si sente in pericolo non abbia un posto vicino e sicuro dove potersi rifugiare, certa di essere protetta.

La donna porta in sé il dono di dare la vita, porta nel grembo la forza più grande che c’è e profanarla è un atto deprecabile.

La violenza di un uomo su una donna sta a significare che è venuto meno il rispetto. Nessuno ha il diritto di rubare l’anima a un altro, nessuno deve distruggere la serenità di una vita.

Quando qualcuno si sente talmente potente da disporre della vita di un altro, vuol dire che abbiamo sbagliato tutti qualcosa, che il messaggio che è passato è distorto. Non si può volere tutto, non si può decidere per la vita di un altro, ci si deve saper rassegnare al fatto che un amore possa finire, che una persona cambi, che una persona si allontani da noi perché non è quella giusta.

Le donne devono potersi fidare, devono poter non avere paura. Non ne posso più di sentire giustificazioni come ” se l’è un po’ cercata”, “era un po’ zoccola”, “bhé, chissà cos’ha fatto lei per ridurlo così”. Potrei citarne mille, di frasi così. La donna è donna in mille modi e non posso credere che per sentirmi al sicuro io debba mortificare la mia femminilità, la mia sensualità, il mio essere creatura del paradiso.

Quel che occorre alle donne è la sicurezza in se stesse, la capacità di sentirsi importanti senza eccedere negli atteggiamenti, senza svilirsi o svendersi per seguire le mode o le tendenze. E agli uomini bisogna insegnare il rispetto, la dolcezza e la capacità di confrontarsi con creature talmente diverse da loro da fare paura.

Io ho rispetto per tutti, tranne per chi non rispetta la vita altrui. La vita è sacra, sempre, e se tutti ne fossimo consapevoli, sapremmo fare la nostra parte.

La violenza uccide. Uccide le persone, i sentimenti, le speranze, il futuro, i sogni. Bisogna essere più forti di lei, bisogna essere in tanti per far sì che non si ripeta ogni giorno la conta di chi non ce l’ha fatta.

La violenza nasce dalla paura, dall’ignoranza, dall’egoismo, dall’invidia, dalla prepotenza. Insegniamo l’amore e il rispetto, portiamoli con noi ovunque andiamo e saremo più forti tutti, contro la violenza vince solo l’amore.

 


Stamane ho letto una notizia che mi ha lasciato perplessa.

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/milano-giudice-autismo-causato-da-vaccino-vitalizio-a-bambino-_2081170201402a.shtml

Un giudice ha concesso un vitalizio a un bambino autistico, il cui autismo parrebbe causato dal vaccino trivalente. Il ministero della salute dovrà risarcire questa povera creatura, perché il vaccino è, in teoria, obbligatorio.

Anche se non ho figli seguo da tempo l’argomento con interesse, perché ho letto il libro di Andrea e Franco in cui si parla di questa terribile malattia e della sua supposta connessione con il vaccino trivalente. https://aspettandolalbaa.wordpress.com/2014/02/07/sono-graditi-visi-sorridenti/

Queste notizie mi lasciano l’amaro in bocca, perché non capisco come si possa mettere la propria salute in mano a esperti che poi tanto capaci non sono. Perché, una volta sollevato un dubbio, nessuno ha voglia di fare chiarezza su un1377220_562253137163469_778883852_n problema come questo, nel rispetto della salute del cittadino? Molti genitori decidono di non far vaccinare i loro figli per morbillo, parotite, rosolia. Avessi dei figli, farei lo stesso. Che garanzie ho che non mi capiti la stessa cosa che è successa a Franco Antonello? Il fatto che un giudice riconosca il nesso causale tra vaccino e autismo non è forse un motivo per fermarsi e fare una riflessione e uno studio più approfonditi sulla materia? Non è la prima causa legale che dà ragione ai genitori e concede loro un risarcimento. Perché allora questo silenzio? Perché continuare a somministrarlo come se niente fosse? Forse per far lavorare le case farmaceutiche che lo producono? Quali altre dovrebbero essere le motivazioni? Se una cosa può risultare dannosa per la salute, perché farla? Perché mettere a rischio la crescita di bambini innocenti, somministrando un farmaco di cui non si è sicuri al 100 per cento?

 

Io, da malata cronica, spesso mi domando che farei se inventassero la cura per l’endometriosi. Mi butterei ciecamente fra le braccia della scienza o mi farei venire qualche ragionevole dubbio, alla luce delle notizie che ogni giorno mi fanno venire la pelle d’oca? La fiducia può essere ben riposta in casi come questi? Io non ne sono più tanto sicura.

Le aziende farmaceutiche hanno dei bilanci, fanno profitti, sono fatte di numeri. Vorrei sapere dove sta l’etica, nei loro bilanci. Lo dicessero, potrei tornare a fidarmi ciecamente, invece che arrovellarmi ogni volta come se mi stessero per fregare. Sulla salute non si scherza, ma l’avranno capito tutti?

 


Quando il cielo piange, mi prende uno sconforto che non so spiegare. Sono giorni difficili per la mia terra, il Piemonte,  dove pare che l’incubo alluvioni siano destinato a ripetersi in eterno. Quel che mi fa rabbia è che si corra ai ripari sempre dopo che capitano le tragedie. Incuria, negligenze, rimbalzi politici, leggi inutili o stupide, mancanza di fondi, impossibilità di usufruirne, controlli e monitoraggi insufficienti, hanno portato all’ennesimo tracollo delle acque e conseguenti disastri.safe_image

La situazione attuale è lo specchio dei nostri tempi: facciamo acqua da tutte le parti, non sappiamo affrontare i problemi, né cerchiamo soluzioni immediate e risolutive, che si sa, costano fatica e sacrificio da parte di tutti.

Sono momenti duri, perché la ricchezza non è più appannaggio di questo territorio e senza quella, con la sola buona volontà si può fare ben poco. Certo è il punto di partenza dal quale ricominciare, ma da quello che vedo non è presente nelle nostre istItuzioni.  Un esempio su tutti: com’è possibile che si allaghino un parcheggio e l’accesso al pronto soccorso nel nuovissimo ospedale di Biella a pochi giorni dall’apertura, dopo decenni ( e dico decenni e miliardi di vecchie lire sperperati) di lavori e tentennamenti? Tralascio il particolare della costruzione in una zona nota come ” fontanone”.

L’incuria e la disattenzione fanno morire e a ogni alluvione parte la conta dei morti e dei danni.

Il cielo piange e noi giriamo la testa da un’altra parte, ogni volta. Non è giusto e non ce lo possiamo più permettere e se le  istituzioni non accennano a fare qualcosa di concreto, devono essere i cittadini a richiederlo.

Non puoi abbassare sempre la testa, quando è la tua terra a essere danneggiata, quella dove abiti, dove hai costruito la tua casa, dove il tuo lavoro è messo in pericolo già dalla crisi, senza contare gli eventi atmosferici avversi. Non si può sperare che vada sempre bene, ma non si possono nemmeno riparare i danni con le buone speranze. Stiamo vivendo una lenta agonia che ci porterà a consumare tutto ciò che abbiamo, compresi noi stessi. Io stessa sono stanca di questo immobilismo, di questa mancanza di possibilità e prospettive che mi negano una vita decorosa, per quanto io mi sforzi e mi impegni.  Non si può stare a guardare mentre tutto si sgretola di fronte a noi e il cielo piange.

 

Vita senza nickel

Il nickel non è un problema per noi!

EcoAlimentarsi

Alimentazione Consapevole

Marialucia Lorefice

In Parlamento, portavoce degli Italiani

Atollo Milano

Il mio (quasi) blog dove parlo di libri, di film e di altre cose che mi piacciono o mi fanno arrabbiare

MARZIA'S LIFE.

My online diary of moments and memories.

FILOSOFIA PSICOLOGIA PSICHIATRIA

dialogare e pensare per dare corpo alla psiche

Annichelita ma figa

Storie semi serie davvero accadute

de matha

La democrazia dà la sensazione di poter scegliere, (ma) oggi non avere talento non basta più. (Eugene Luther 'Gore' Vidal)

Dr. Gianluca Lo Presti

Psicologo Esperto in Dislessia e DSA

Erba volant

Le piante sono bestie complicate

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

seinviaggio

I passi di sei persone con gli occhi aperti sul mondo

purtroppo

Quello che leggi qui è tutto autobiografico. Soprattutto le cose inventate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: