Archivi per il mese di: marzo, 2015

In questa settimana di consapevolezza dell’endometriosi, voglio parlarvi di come ho trovato giovamento nel variare la mia alimentazione.10377150_10205542116301657_1802902359080115460_n

La mia endometriosi ha colpito anche l’intestino, per cui mi sono ritrovata, nel giro di poco, con una bella pancia a uovo. Sempre gonfia, tesa, spesso dolorante, con estenuanti sedute in bagno e pure qualche saltuaria colica, mi sono resa conto che fare affidamento sulla pillola in continuo e sui farmaci, antinfiammatori in primis, non poteva essere sufficiente. Mi sono documentata e, grazie ai consigli delle altre malate, alla rete e all’Ape Onlus, ho trovato un modo per convivere con questo intestino capriccioso, pieno di aderenze e dio solo sa cosa. 🙂

Ho modificato la mia alimentazione, che peraltro era già sana e ho iniziato a curare il mio corpo con il cibo.

Ovviamente non sono una talebana, né un’integralista e mi concedo i miei sfizi, consapevole che il giorno dopo vedrò il bagno più spesso, ma questa variazione mi ha notevolmente cambiato la vita.

Di fatto seguo la dieta antitumorale di Veronesi, a base di frutta, verdura, cereali integrali, legumi ecc..ecc… Seguire Marco Bianchi, che collabora con lui,  è utile e lo consiglio a tutti:

https://www.facebook.com/marcobianchioff?ref=ts&fref=ts

Ho quasi eliminato la carne, me la concedo in piccole quantità quando mi viene voglia che ne so , di un buon prosciutto di Parma, di un filetto di ottima qualità o di un porcelloso pollo arrosto. Al mese non più di 3 volte, compenso con il pesce, cucinandolo al forno e usando il pesce azzurro che fa tanto bene e anche quello che trovo in offerta in pescheria. Il sushi è un ottimo alleato per contrastare le mie infiammazioni intestinali: pesce crudo, riso e alghe, cosa chiedere di più?

I latticini sarebbero vietati, ma io mi concedo del buon parmigiano ogni tanto, ho eliminato il latte da anni, yogurt chi ti conosce? Mi concedo talvolta uno sfizio, ma se assaggio del formaggio, cerco di non mangiare carne e pesce e lo accompagno a tanta verdura.

Ci sono però due fantastici alleati della mia dieta: la curcuma e la miso.

Che cosa sono? Sono miracoli della natura che aiutano i nostri visceri martoriati dall’infiammazione.

untitledLa curcuma è un potente antinfiammatorio naturale, colora tutto di un bel giallo oro e, credetemi, funziona. Io la uso tutti i giorni, nelle mie pietanze. Ora, per non contaminare tutte le mie ricette con  questa spezia orientale, ho scoperto che si può mischiare della curcuma in polvere con del miele di buona qualità, così da poterla assumere due o tre volte al giorno, senza problemi. Dopo 3 settimana di assunzione quotidiana, il mio intestino è decisamente migliorato. Senza medicine e senza spendere un capitale, ho trovato un ottimo rimedio.

3La miso è invece la scoperta più recente. E’ una pasta che si scioglie in acqua calda( non bollente), dal tipico gusto umami, che i giapponesi bevono spesso e volentieri sotto forma di brodo. Con verdure in aggiunta o così com’è, per me è stata la rivelazione! E’ ottenuta dalla fermentazione di semi di soia, con l’aggiunta o meno di cereali. E’ un impasto salato, scuro e denso, ricco di principi nutritivi  e enzimi che migliorano la flora batterica intestinale.

E’ stata la mia salvezza: se mi sveglio con il mal di pancia, me ne bevo una tazza e tutto passa. Certo, non è semplice bere brodo al mattino appena svegli, ma credetemi che il risultato vale il sacrificio.

 

Ognuno deve trovare un’armonia per far star bene il proprio corpo, io cerco di cucinare da me tutto quello che posso, ho eliminato conservanti, dadi, merendine, prodotti industriali carichi di zucchero, bibite gasate.

Mantengo una buona idratazione e cerco di mangiare bene ogni giorno, con gusto e soddisfazione. Non sempre posso dirmi esente da dolori e mal di pancia, ma la mia qualità di vita è migliorata e sono passati 4 anni dal mio primo intervento. Probabilmente non sarà l’ultimo, ma nel frattempo mi prendo cura di me e cerco di essere felice e serena, per quel che posso.

Per questa malattia cronica non esiste una cura, ma è possibile imparare a conviverci, con serenità. 🙂

 

 

Annunci

Torno dopo mesi di silenzio, causa acciacchi e salute carente.

E’ iniziata la settimana di consapevolezza dell’endometriosi.10377150_10205542116301657_1802902359080115460_n

Quest’anno ci sarà un convegno a Carrara, cui mi sarebbe tanto piaciuto partecipare e cui non andrò, per i soliti problemi economici che perseguitano dal lontano 1976. 🙂

La nostra inquilina endometriosi sta diventando sempre più conosciuta, anche grazie all’opera di volontariato dell’associazione Ape Onlus, che tanto fa per noi malate. Vi allego il link, nel caso voleste dare un’occhiata o un contributo.

http://www.apeonlus.com/

In questi mesi ho patito parecchio, causa inquilina molesta, ma ho cercato nuovi modi per creare una convivenza con lei e un po’ credo di esserci riuscita.

Questa malattia va prima di tutto accettata, perché farle la guerra non aiuta il nostro corpo a stare meglio. Quando leggo su internet gli slogan o gli sfoghi di alcune malate, in cui capeggiano parole come “ dobbiamo sconfiggerla, dobbiamo combatterla, o io o lei…ecc..ecc…” capisco di avere preso la strada giusta per me, scegliendo un altro percorso.

Sarà che ho letto troppo Tiziano Terzani, ma io sono per la pace e la comprensione. All’inizio, quando finalmente dopo 7 anni ottenni una diagnosi, ovviamente non ero così serena e anzi, sarei partita per le crociate, se me lo avessero consentito!

Cito dal sito Ape Onlus:

“L’endometriosi è una malattia complessa, cronica e poco conosciuta, originata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell’utero, chiamato endometrio, in altri organi (ad esempio ovaie, tube, peritoneo, vagina e talvolta anche intestino e vescica).
L’endometriosi è una malattia ormono-dipendente e tutti i mesi, sotto gli effetti del ciclo mestruale, il tessuto impiantato in sede anomala va incontro ad un sanguinamento interno: ciò dà origine a cisti, infiammazioni croniche degli organi nei quali si impiantano questi focolai, cicatrici, aderenze e, in alcuni casi, infertilità.
L’infiammazione di questi tessuti incide pesantemente sulla qualità di vita della donna in quanto, il dolore che l’ endometriosi (specialmente quella extra genitale) comporta invalida il normale svolgimento delle attività quotidiane, i rapporti interpersonali e di coppia. Spessissimo questi dolori vengono associati o attribuiti alla sindrome del colon irritabile o a stress. Una diagnosi tempestiva è fondamentale affinché l’endometriosi non possa provocare danni importanti a carico di organi vitali (ad esempio il rene).
Dolore ai rapporti sessuali, dolori lombari cronici ed inspiegati, stitichezza alternata a diarrea, sciatalgia presente durante la fase mestruale, potrebbero essere tutti sintomi legati alla patologia endometriosica. “

Quando ho capito cosa mi era capitato la prima reazione è stata la rabbia, una rabbia profonda e cattiva. Poi mi è salita un’incazzatura di formato biblico, che mi ha reso insopportabile per un periodo piuttosto lungo. Infine, lentamente, ho cominciato a cercare di capire, un lavoro alle volte anche doloroso, che dura tuttora. La comprensione di quello che abbiamo e il cercare di trovare un modo per stare meglio, credo siano la cosa più difficile e anche la più importante da affrontare.

Trattandosi di malattia cronica la parola d’ordine per me è “ accettazione”, che non vuol dire arrendersi a lei, ma avere la consapevolezza di ciò che mi è capitato, senza recriminazioni e incazzature, ma con la volontà di capire e comprendere cosa mi porto dentro, per aiutarmi e aiutare chi, come me, ne è affetta.

Io non sono la mia malattia, io ho una malattia cronica che mi ha cambiato la vita, ma non i pensieri.

Io sono consapevole di essere malata e quindi cerco di fare il meglio per me, ogni giorno. Pazienza se non riesco più a lavorare come una volta, se mi stanco subito, se ho sempre dolori non ben identificati che rendono il mio pancino una giostra, se ho l’umore sotto i piedi quando non riesco a alzarmi la mattina perché ho l’osso sacro in fiamme, l’importante è che di questa malattia si parli per renderla più conosciuta, che i medici la studino per regalarci qualche speranza di miglioramento, che le persone ricevano una diagnosi tempestiva e corretta per affrontare meglio il percorso che le porterà a una complicata convivenza con essa, ma pur sempre possibile.

Informiamo, informatevi. La qualità di vita è una scelta, un impegno, un dovere, soprattutto per le malate come noi.

Vita senza nickel

Il nickel non è un problema per noi!

EcoAlimentarsi

Alimentazione Consapevole

Marialucia Lorefice

In Parlamento, portavoce degli Italiani

Atollo Milano

Il mio (quasi) blog dove parlo di libri, di film e di altre cose che mi piacciono o mi fanno arrabbiare

MARZIA'S LIFE.

My online diary of moments and memories.

FILOSOFIA PSICOLOGIA PSICHIATRIA

dialogare e pensare per dare corpo alla psiche

Annichelita ma figa

Storie semi serie davvero accadute

de matha

La democrazia dà la sensazione di poter scegliere, (ma) oggi non avere talento non basta più. (Eugene Luther 'Gore' Vidal)

Dr. Gianluca Lo Presti

Psicologo Esperto in Dislessia e DSA

Erba volant

Le piante sono bestie complicate

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

seinviaggio

I passi di sei persone con gli occhi aperti sul mondo

purtroppo

Quello che leggi qui è tutto autobiografico. Soprattutto le cose inventate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: