Archivi per il mese di: dicembre, 2014

imagesIl Natale si avvicina e io sono ancora in cerca del mood giusto. Da anni non sono più schiava del consumismo sfrenato, perché i soldi sono finiti e perché io mi sono stufata di questa frenesia che non porta da nessuna parte. Vi dirò che sono pure più contenta così. Niente più corse sfrenate alla ricerca di regali inutili per tutti nei centri commerciali, caldi e asfissianti, niente più parcheggi selvaggi in mancanza di posti auto, niente più elenchi di cene natalizie che due settimane non bastavano a farle tutte, qua regna la calma più assoluta.

Ho addobbato la casa con tranquillità, vedrò chi ho voglia di vedere, mi godrò il mio alberello illuminato con un sacco di tisane calde e qualche buon libro, cucinerò due o tre cene speciali, mi godrò il tepore della casa e in un attimo sarà arrivata la Befana.

Alla fine non ho bisogno praticamente di niente, per assaporare il gusto delle feste. Qualche calice di buon vino, il liquore giusto dopo cena, una tisana speziata al mattino, un dolce fatto in casa per colazione, qualche buon film( ho già iniziato con Babbo Bastardo), delle cenette a tema, le coccole nel lettone prima di andare a dormire, la Pinella che mi ruba gli elastici  e mangia le decorazioni dei 3 pacchetti sotto l’albero, le calze morbidose ai piedi e la musica di Natale per sottofondo sono sufficienti.

In questo periodo sto riflettendo parecchio sulle miserie dell’animo umano, perché ho la sfortuna di averci a che fare quotidianamente. Sono orgogliosa di esserne immune, di avere conquistato una visione del mondo libera da catene e schiavitù, però questo non mi aiuta a capire a fondo il problema. Non riuscirò mai a comprendere le persone avide, cieche di fronte alle sofferenze di chi li circonda. A me hanno insegnato che non basta essere più buoni a Natale, bisogna esserlo tutto l’anno. Non capisco la miopia di chi non sa vedere oltre il proprio naso, passando le giornate a compatirsi e a lamentarsi, senza nemmeno vedere le fortune che ha. Certi individui sono incapaci di compassione vera, chiusi nel loro limitato orizzonte. La povertà spirituale di questa gente e la loro aridità di cuore si può leggere ogni giorno sui giornali, vedere in tv, vivere di persona nella nostra quotidianità.

Sarebbe bello trovare sotto l’albero una visione nuova del mondo, in cui c’è posto per tutti e nessuno viene lasciato indietro. Questo sarebbe un ottimo inizio, per concludere un’annata tragica e iniziarne una all’insegna della speranza e della condivisione.

Io ci proverò.

 

Annunci

001Facendo l’albero oggi ho avuto l’impressione che ci fossero i miei pensieri appesi ai rami, anziché le palline decorate.

L’ho fatto con calma, è un momento che mi regalo ogni anno, per godermi un giorno di festa, che di solito trascorro a casa, in solitaria tranquillità. Per un certo periodo avevo persino smesso di farlo, perché non mi sembrava di avere mai niente da festeggiare. Poi ho ricominciato, comprando palline nuove ogni anno e cercando di imparare a celebrare quella festa che per me non aveva più sapore.

Lo faccio per me, non ho mai avuto grande piacere nel condividere le festività con amici e parenti, perché mi sono sempre sentita fuori posto, nel momento sbagliato, con l’umore inadatto.

Mi piace stare a casa a leggere un libro, o guardando un film, oppure ascoltando musica natalizia mentre sorseggio un buon the. E questa sera, mentre guardo l’albero con le mie antidiluviane lucine colorate accese, mi sembra di vedere i miei pensieri lampeggiare nel buio.

Vedo il tempo che è passato e che non tornerà più, vedo idee e progetti che non hanno il coraggio di farsi notare, preoccupazioni e problemi che si illuminano nella notte per ricordarmi quanto la vita sia difficile, anche se sta arrivando il Natale. La quiete che l’albero irradia sembra volermi insegnare qualcosa, ma io non sempre ho la forza per imparare nuove lezioni.

Un anno difficile sta volgendo al termine e io non ho ancora trovato soluzioni né incantesimi che possano farmi sperare in un 2015 migliore. Non mi resta che passare le mie serate a fissare l’albero, in attesa di un’inattesa rivelazione.

 

 

 

Vita senza nickel

Il nickel non è un problema per noi!

EcoAlimentarsi

Alimentazione Consapevole

Marialucia Lorefice

In Parlamento, portavoce degli Italiani

Atollo Milano

Il mio (quasi) blog dove parlo di libri, di film e di altre cose che mi piacciono o mi fanno arrabbiare

MARZIA'S LIFE.

My online diary of moments and memories.

FILOSOFIA PSICOLOGIA PSICHIATRIA

dialogare e pensare per dare corpo alla psiche

Annichelita ma figa

Storie semi serie davvero accadute

de matha

La democrazia dà la sensazione di poter scegliere, (ma) oggi non avere talento non basta più. (Eugene Luther 'Gore' Vidal)

Dr. Gianluca Lo Presti

Psicologo Esperto in Dislessia e DSA

Erba volant

Le piante sono bestie complicate

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

seinviaggio

I passi di sei persone con gli occhi aperti sul mondo

purtroppo

Quello che leggi qui è tutto autobiografico. Soprattutto le cose inventate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: