Cosa ho letto nel mese di agosto? Un sacco di libri interessanti.

untitledPer le letture dedicate allo svago mi sono regalata l’ultimo di Terry Brooks, Il fuoco di sangue, edito da Mondadori. Un libro che ti lascia con il fiato sospeso, pure alla fine, come è nella tradizione di Terry. Quando sei nel mezzo della trilogia hai due cose da fare: o non compri il libro e aspetti che esca il terzo e li compri insieme, oppure ti abbandoni al martirio e al tormento, acquistandolo subito e pregando tutti i santi che il successivo esca in fretta.

Bello, con un personaggio, Redden, che darà grandi soddisfazioni. Una domanda: Arling sarà la nuova Viridiana? Prepariamoci a un mare di lacrime!!!!

 

 

 

1Rimanendo in ambito relax, ho letto Inferno di Dan Brown( sempre di Mondadori), prestatomi da mia zia. Mi è piaciuto, soprattutto per la descrizione delle opere d’arte fiorentine, veneziane e bizantine. Ora mi è venuta voglia di visitare il corridoio vasariano a Firenze e la cisterna a Istanbul. Maledetto Dan, mi costerai una fortuna! Langdom è un personaggio ben riuscito e il libro affronta un tema tremendo come quello della eugenetica.

 

 

 

 

Per quanto riguarda le scoperte, ho letto, sempre di Mondadori,  Rosa candida di Auður Ava Ólafsdóttir, una scrittrice 001islandese che mi ha rubato il cuore! Me lo ha regalato la mamma di mia sorella, un libro stupendo. Racconta una storia delicata che parla di rose, di un viaggio, di una perdita, di un ragazzo che sta diventando uomo e della vita. Bello. Pulito. Da leggerne altri! N.B. Tutto  scritto al presente!

Cito( pag. 155) :”Nella mia mente si sta operando una trasformazione: comincio a vedermi come il padre di una bambina piccola. A questo punto sua madre mi sorride, e io spero proprio che l’abbia notato anche il tizio seduto sulle scale, il suo bel sorriso.

Insomma, è così che nasce la mia nuova vita. E’ così che la realtà viene alla luce. ”

 

Ho anche iniziato e non ancora finito “I have a dream”, l’autobiografia del profeta dell’uguaglianza, di Martin Luther King, indovinate edito da chi? Mondadori. Volevo 002approfondire le mie conoscenze a riguardo e devo dire che il testo è molto ben fatto, con citazioni puntuali e spiegazioni che collegano i vari scritti, saggi, testi e pensieri di questo grande uomo del nostro passato. Il rigore, l’umanità e la correttezza di questa persona mi danno speranza e fiducia. Quello che hanno vissuto le persone di colore è un dolore senza fine. King è stato un Uomo, un esempio, un fratello per tutti noi.

Cito (pag. 220) ” Mi piace credere che un giorno Birmingham diventerà un modello dei rapporti razziali del Sud. Mi piace credere che gli eccessi negativi del passato di Birmingham possano risolversi negli eccessi positivi e utopistici dl suo futuro;  che le colpe delle tenebre di ieri saranno riscattate da un domani luminoso. Ho questa speranza perché, in un giorno d’estate, si è avverato un sogno. La città di Birmingham si è scoperta una coscienza. ”

 

E voi cosa avete letto durante le vacanze? 🙂

 

Annunci