014 (2)

risotto: avrò mai la pentola professionale?? Babbo Natale, aiutami tuuuuu!!

Quando faccio il risotto, sono sempre molto concentrata. Riccardino Fuffolo lo sa bene: quando si mangia il risotto, non sono ammessi ritardi! Guai a dire arrivo alle 8 e poi tardare. Si scatena la bestia che è in me. Ormai, visto che non mi fido, aspetto che arrivi e poi comincio, tanto in 18 minuti è cotto, quindi vale la pena aspettare.

Per il risotto uso riso  Carnaroli e Arborio, ho provato anche la tipologia Sant’Andrea, ma mi soddisfa di meno.

Ecco le mie ultime creazioni. 🙂

015

risotto zucca e funghi

RISOTTO ZUCCA E FUNGHI.

Avevo nel frigo un bel pezzo di zucca mantovana passata al vapore, gli ultimi funghi della stagione( donne e porcini), un po’ di brodo di carne avanzato e quindi cosa vuoi fare, quando hai del buon brodo a disposizione? Un bel risotto!

Per le dosi di riso,  io uso una tazzina da caffè a testa, più uno per la pentola( come il tè, perché c’è sempre qualcuno che vuole la dose abbondante; sarebbero circa 60 grammi a testa).

Ho soffritto a fiamma bassa in un bel pezzo di burro e un goccio di olio  uno scalogno tritato con pochi aghi di rosmarino. Ho poi aggiunto il riso e fatto tostare fino a che il riso è diventato trasparente. A questo punto ho sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco abbondante, ho usato l’avanzo di erbaluce della sera prima. Quando il vino è evaporato bene, ho aggiunto la zucca che avevo schiacciato prima con una forchetta, mescolando bene. A questo punto ho aggiunto i gambi dei funghi e poi ho bagnato con il brodo.

Ho portato a cottura, aggiungendo brodo quando necessario e regolando di sale e di pepe. A pochi minuti dalla fine della cottura, ho aggiunto le cappelle dei funghi tagliate a tocchetti. Ho aggiunto anche della caciotta tagliata a pezzettini e ho portato a cottura.  A seconda del riso ci vanno dai 18 ai 20 minuti. Io lo amo al dente, quindi sto molto attenta alla fine cottura.  Alla fine ho mantecato con una bella noce di burro e una manciata piccola di parmigiano, per non coprire troppo i funghi.

030

risotto caprino, zola e nocciole

RISOTTO CAPRINO, ZOLA E NOCCIOLE

Ho soffritto in burro e un goccio di olio mezza cipolla bianca piccola e una foglia di salvia tritata. Ho aggiunto il riso e ho fatto tostare bene. Ho sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco e poi ho coperto con il brodo. Ho portato a cottura, aggiustando di sale, senza esagerare. Verso la fine ho aggiunto il formaggio di capra tagliato a tocchetti( aveva una mezza stagionatura), mescolando bene. Quando mancava un minuto ho aggiunto un bel tocchetto di gorgonzola, facendolo sciogliere bene. Alla fine ho mantecato con un cucchiaino di burro e ho lasciato riposare un minuto o poco più. Ho servito il riso con un battutto di nocciole tostate in padella, cui ho aggiunto a padella spenta del pepe nero macinato al momento e un filo di olio di nocciole.

Annunci