Archivi per il mese di: ottobre, 2013

Ho regalato il libro di Tiziano Ferro “Trent’anni e una chiacchierata con papà” a Riccardo lo scorso Natale. Ovviamente poi l’ho letto, perché Tiziano piace pure a me. 😀526240_10200548819834182_192491801_n

E’ una specie di autobiografia, ricavata dai diari che il cantante è solito scrivere.  Mi è piaciuto molto perché mi ha fatto capire molte cose di questa persona, dei suoi travagli interiori, dei suoi problemi. La sua storia è stata molto chiacchierata per l’outing  relativo alla sua omosessualità e questo libro spiega anche le sue motivazioni a riguardo. Ho trovato in Tiziano una persona molto sensibile, un autore delicato e travagliato nel parto delle sue canzoni, un uomo ironico che ha fatto un lungo cammino per diventare grande.

Mi sono anche divertita nella lettura, scoprendo i travagli di una star, che noi immaginiamo sempre sicura di sé e divertita della vita che fa. Tiziano, ovviamente, non si lamenta della fortuna che ha avuto, ma con coraggio si mette a nudo e spiega i problemi quotidiani di una stella che nasce, di un cantante che poi sfonda e ce la fa, di una star internazionale che mantiene comunque i piedi per terra e i legami con la sua terra, non senza conflitti e sofferenza.

Tiziano ha costruito pian piano la sua solidità e è riuscito a diventare se stesso con fatica e con impegno. Una persona vera, questo è Tiziano Ferro. E se vi viene voglia di scoprire l’uomo dietro l’artista, leggete il suo libro, magari accompagnato da una buona cioccolata calda, come ho fatto io.

 

Dopo questa lettura ho preso anche il secondo suo libro: ” L’amore è una cosa semplice.”  Entusiasta del primo, ho comprato anche il secondo.  Ho molto apprezzato anche l’album che dà il titolo al libro e non ho potuto fare a meno di leggerlo. Il coraggio di Tiziano di mettersi a nudo, con tutti i suoi dubbi e le sue incertezze, mi ha conquistato ancora una volta. Tiziano scrive canzoni, non romanzi, e bisogna perdonargli lo stile non sempre impeccabile. Riesce però a trasmettere emozioni con genuinità e immediatezza e anche la seconda lettura si è rivelata feconda, come se si stesse leggendo il diario segreto di qualcuno. Ora, quando ascolto le sue canzoni, ho quel qualcosa in più che me lo fa sentire più vicino. Grazie Tiziano! 😀024

” Incredibile come anche lei-la mia voce- sia cambiata insieme a me nell’ultimo anno. Anche lei liberata da un certo numero di oppressioni, anche lei adesso canta la vita di un sopravvissuto alle guerre interiori, anche lei non ne ha potuto più ed è crollata.” pag. 95, L’amore è una cosa semplice.

 

P.S. Entrambi i libri sono editi da Feltrinelli.


001 (48)

Crudité con baba ganoush e tzatziki e frittatina di erbette

Ecco tre ricette per una simpatica cena vegetariana.

ANTIPASTO.  Preparare lo tzatziki mescolando un vasetto di yogurt  greco con un pizzico di sale, un po’ di aneto tritato e un cucchiaio di aceto . Grattugiare un cetriolo bello sodo dopo averlo sbucciato e salarlo leggermente. Lasciarlo scolare per almeno mezz’ora, poi strizzarlo bene e aggiungerlo alla crema di yogurt, aggiungendo anche uno spicchio di aglio schiacciato e  un goccio di olio evo e mettere in un contenitore ermetico, lasciandolo riposare in frigo fino all’ora di cena.  Preparare il baba ganoush, avvolgendo una bella melanzana lunga viola, dopo averla bucherellata, in foglio di carta argento. Passare in forno una mezz’ora circa. Quando è tiepida, tagliarla in due e e svuotarla. Ridurre in crema la melanzana, salare poco, pepare, aggiungere aglio tritato apiacere, peperoncino, menta, pepe, succo di limone e olio evo. Se ne avete, mettete anche un cucchiaino di tajina. Mescolare bene e mettete anche questa crema in frigo.

Tritare grossolanamente un pugnetto di erbette dei prati, mescolatele in una ciotola con un po’ di parmigiano, sale, due uova e friggete in padella antiaderente la frittata con una noce di burro chiarificato.

Preparate un piatto e servite una fetta di frittata, con un pinzimonio di verdure da accompagnare alle due creme. Io ho usato peperoni e pomodori cuore di bue dell’orto.

993656

tortino di verdure in salsa di pomodoro e verdurine

PIATTO UNICO. Far bollire una patata, sbucciarla e schiacciarla. Unire un uovo, sale, pepe, fagiolini bolliti tagliati a pezzetti, un po’ di pecorino, Riempire uno stampo di silicone con l’impasto e metterle al centro un pezzetto di formaggio a scelta. Cuocere in forno per 20-25 minuti e poi sfornare. Servire in piatto con insalatina condita con balsamico e olio, e qualche fagiolino intero. Nappare il tortino con del pomodoro frullato con basilico, olio, una punta di aglio e peperoncino.

003 (39)

MISTO DI FORMAGGI DI CAPRA E VACCA CON CONFETTURA DI PERE E MELE E SOTTOLI

Se avete ancora fame e non vi interessa la dieta, potete finire in bellezza servendo due formaggI, un paglierino di capra e una toma stagionata, accompagnandoli con sottoli e una composta di mele e pere aromatizzata alla cannella.

Se volete una cena light fermatevi alle prime due portate e accompagnatele a una buona tisana o un the. Altrimenti servite un buon rosato fruttato o un bianco strutturato e profumato. Un mueller thurgau va benissimo.  Con i formaggi ci vedrei bene un bicchiere di barbera vivace o un buon dolcetto non troppo giovane.


Cosa si fa, quando Riccardino Fuffolo scopre di avere una settimana di ferie in più( causa crisi, ma è meglio non pensarci)? Si va allo zoo. Ma non allo zoo, allo zoo safari.

Ecco la cronaca di un pomeriggio di fine agosto!

A dire il vero subito ho pensato che mi ci portasse per lasciarmi al reparto scimmie e bertucce, invece con piacere non solo non mi ha abbandonato lì, ma dopo siamo anche andati a cena in un ristorante, un posto dove io non riesco a finire di mangiare tutto, ma andiamo con ordine.

Partenza alle 14 dopo pranzo leggero, vestiti comodi e accompagnati dai nostri fedeli cappellini Maserati. 😀1175698_508906912511582_662580557_n

Arrivati a Varallo Pombia, ci siamo avventurati allo zoo. Il percorso si fa in auto e si passa in mezzo agli animali liberi. Fantastico! Ho visto un sacco di animali cicciottelli e sereni, mi ha reso ancora più felice.

Si passa dagli animali più tranquilli ai felini, giustamente custoditi a parte, per poi finire il giro con l’auto e iniziare il percorso a piedi.

Non vi so dire l’emozione di vedere gli animali che pascolano vicino a te: ippopotami, rinoceronti, lama, pellicani, gazzelle, tigri a pancia all’aria come gattini, leoni albini e leoni( peraltro infoiati e facenti le cosacce con le leonesse), bufali, bisonti, ghepardi,  scimmie( arrapate pure quelle e con un culo rosso grosso così), lemuri, pesci rari, rettili, pappagalli e uccelli tropicali, rapaci addestrati( fanno anche due spettacoli al giorno, come i pappagalli), caprette, ochette, cavalli, asini, insomma, trovate l’arca di Noè, giraffe e zebre comprese!

Mi sono davvero divertita, ho toccato tutte le caprette di tutti i continenti, ho parlato con i falchetti che piangevano, ho salutato il bisonte, che da tanto è grande mi ha molto colpito. Se penso alle stragi fatte contro questi poveri animali, mi viene un’indignazione che non so descrivervi.

1208805_508908032511470_1347521480_n

il bubo bubo, ma l’ho visto anche a Curino!!!

1236877_508905669178373_2127338192_n

tutti a fornicare…

563409_508905525845054_2052689061_n

daje…

1175681_508906062511667_1487842608_n

la cattivissima murena..

1000330_508905189178421_2017438178_n

un simpatico culone…anzi due!! 😀

1238870_508905445845062_1477103598_n

mah!

1240388_508907955844811_1053492363_n

tenera lei!

015 946963_508908205844786_900453205_n

La cosa bella di questo parco, a misura di bambino, è che insegnano il rispetto per la natura, parlando ai piccoli, ma anche ai più grandi, di quanto sia importante preservare la natura e i suoi abitanti, per avere un futuro più sereno.

A un certo punto della nostra visita a piedi, dopo che avevo ripreso Riccardo per l’ennesima volta, con cazziatone incorporato,mi sono girata e ho notato che eravamo l’unica coppia senza figli, ma che il cazziatone era uguale per tutti.  Lì ho capito che un figlio forse non mi manca, perché quando mi fa andar fuori della grazia di dio, mi parifica alle madri del globo terraqueo, senza che si noti alcuna differenza. Grazie Riccardo 😀

1236119_508905572511716_2100507412_n

bèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè

021

yeeehhhhhhh

Alla fine ci siamo pure concessi due giri sul Brucomela( la mia passione segreta), nel parco giochi attiguo allo zoo e Riccardo si è divertito a scivolare sui gommoni. 1006365_508907452511528_827692235_n 1233472_508907312511542_1339222053_n

E’ stato un pomeriggio davvero sereno, con un sole estivo un po’ più debole e un’aria ancora calda, ma non afosa, con animali che mi han fatto tornare bambina, quando giocavo con gli animaletti di plastica e guardavo tutti i documentari su raitre.

La giornata si è poi conclusa in un ristorante della zona, dove abbiamo mangiato la paella fino a sfondarci, bevendo sangria e ridendo come matti, come facciamo tutte le volte che andiamo a cena. Ma di questo posto dove l’abbondanza regna sovrana, con una spesa adeguata alle tasche bucate della crisi, vi parlerò in un altro post.

L’estate low cost ci ha regalato davvero tanti momenti da ricordare. 😀


Terry Brooks è il fantasy contemporaneo. E’ il maestro.

Non posso certo confrontarlo con Tolkien, che rimane il re dei re del fantasy, ma dopo di lui c’è solo Terry Brooks ( e la mia amica Simo, che aspetto pubblichi il primo romanzo fantasy perché è bravissima!! https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10201344067835072&set=a.1835739104619.102454.1574718949&type=1&theater).

Quindi nella pagine “Letti, riletti e da leggere” lui è il primo della lista.

Ho già riletto le sue opere tante di quelle volte che ho perso il conto. Sei triste? Prendi un suo romanzo e lasciati trasportare nel mondo delle 4 terre. Hai voglia di te caldo, dolcino e buon libro davanti al caminetto? Le avventure del druido Allanon son lì che ti aspettano. Hai voglia di leggere qualcosa di avvincente, scorrevole, pieno di sorprese? Ecco, una saga degli Ohmsford ti aspetta.

Ricordo ancora la prima volta che l’ho letto. Mi avevano regalato “le Pietre magiche di Shannara.”

Finito in due giorni, senza pause e con il desiderio di procurarmi il primo della serie, “la Spada di Shannara”. Ah, la Spada, che bel romanzo!

Avevo 14 anni e capii subito che non mi sarei più fermata. Ogni anno un libro nuovo, ogni anno una   nuova avventura in cui immergersi.

Ogni Natale, io e Roberto ci siamo regalati il suo libro, scambiandocelo, per anni. Che bei ricordi. Era sempre il regalo più atteso e desiderato.

Ora che i romanzi sono lì nella mia biblioteca, sono così soddisfatta. Per anni hanno aspettato il loro posto, una bella libreria dove poter essere ammirati.

005

degno compagno di nubifragio al Ricetto!

Venerdì ho accompagnato Riccardo alla Esselunga e, girovagando svogliata, l’ho visto. Era lui. Era lì. Mi aspettava, l’ultima copia dell’ultimogenito.

Che gioia e che contentezza.  Un libro di Terry proprio ora!

L’ho preso senza pensarci, vorrà dire che farò meno spesa questa settimana, che tanto tra funghi, pere, nocciole e erbette dell’orto non moriremo di fame, e l’ho portato a casa.

“I guardiani di Faerie”: l’ennesima sorpresa, l’ennesima storia in grado di stupirti ancora, dopo mille avventure.

Terry, grazie di esistere.

Se amate il fantasy, l’avventura e i buoni sentimenti correte in libreria e cominciate dalla Spada di Shannara. Non vi fermerete più. 😀

http://www.librimondadori.it/libri/i-guardiani-di-faerie


Quanti pensieri per la testa.

009

puah…

Due giorni di lavoro intenso, di pioggia, di incazzature fotoniche, di amici ritrovati, di Italia che cambia, di verdure che piovono dal cielo e di funghi da pulire. Sempre tutto quando ho il Vinincontro. Ah sì, sto anche per diventare zia  e sto pure in ansia.

Sono giornate pesanti che coincidono con l’inizio della brutta stagione. E non cominciamo con la solfa che l’autunno è bello. E’ bello se abiti nel Maine, o in Toscana, non a Biella. A Biella PIOVE! Piove sempre. Sempre  e comunque, la mezza stagione non sa nemmeno cosa sia.

Odio con tutta me stessa tutta questa acqua e sono già stufa ai primi due giorni di nubifragio.

Speriamo che passi in fretta tutto questo grigiore, voglio svegliarmi domani con la consapevolezza che è di nuovo tempo di infradito e abitini leggeri. Salto pure Natale e Pasqua, che tanto a Pasqua piove che dio la manda e non si può mai fare un accidenti. Voglio la fine di maggio, anzi no, che quando c’è la fiera di Biella, piove 15 giorni. Passo direttamente a giugno, con le scuole che finiscono, l’aria che sa di estate, la voglia di vacanze. Speriamo passi in fretta…..

006

ultimo giorno di piscina…un mese fa…e già mi manca 😦

Ho bisogno di andare a nuotare la sera in piscina, con l’acqua calda e un buon libro da leggere sull’erba dopo le mie fatiche. Ho bisogno di caldo che scaldi i miei dolori reumatici. Ho bisogno di aria calda, di sole e di leggerezza.

Sarà un inverno lunghissimo.

Vita senza nickel

Il nickel non è un problema per noi!

EcoAlimentarsi

Alimentazione Consapevole

Marialucia Lorefice

In Parlamento, portavoce degli Italiani

Atollo Milano

Il mio (quasi) blog dove parlo di libri, di film e di altre cose che mi piacciono o mi fanno arrabbiare

MARZIA'S LIFE.

My online diary of moments and memories.

FILOSOFIA PSICOLOGIA PSICHIATRIA

dialogare e pensare per dare corpo alla psiche

Annichelita ma figa

Storie semi serie davvero accadute

de matha

La democrazia dà la sensazione di poter scegliere, (ma) oggi non avere talento non basta più. (Eugene Luther 'Gore' Vidal)

www.diariodalmondo.com/

I miei ultimi post

Dr. Gianluca Lo Presti

Psicologo Esperto in Dislessia e DSA

Erba volant

Le piante sono bestie complicate

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

seinviaggio

I passi di sei persone con gli occhi aperti sul mondo

purtroppo

Quello che leggi qui è tutto autobiografico. Soprattutto le cose inventate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: