548884_495016603900613_2005235194_n

I believe I can fly 😀

IDelle tante cose interessanti che ho fatto in questa estate low cost, c’è la visita alla mostra di arte contemporanea al Castello di Buronzo.

581694_495016557233951_1235453617_n

mi sembra una foto scattata su un murales cubano….

Vi allego il link della mostra, perché chiude a ottobre e vale veramente la pena farci un giro.

http://castellodiburonzo.wordpress.com/2013/09/04/il-castello-in-festa-e-storia-arte-divertimento-e-spettacolo/

In una delle domeniche più torride dell’anno, complice un buono sconto per la mostra trovato in un Donna Moderna, acquistato per puro caso, siamo andati al Castello di Buronzo, che si trova a quindici minuti da casa e che  io non avevo mai visitato. Spesso vicino a noi ci sono delle piccole perle che raccontano la storia del nostro paese e non le conosciamo ed è un vero peccato. Io ho deciso di rimediare e la mostra mi è sembrato un bel modo per concludere una torrida domenica estiva.

Ci siamo avviati verso le sei di sera, perché avevamo in programma una cena alla sagra del paese di un nostro caro amico.

Lo stupore mi ha colto appena arrivata perché il paese, nella parte alta, è un piccolo borgo ben conservato e il castello ne è il fulcro. Nel giardino antistante il castello la prima opera ci ha accolto e me ne sono innamorata. Sarà stata l’aria di fine giornata, il vento caldo di luglio, il sole ancora caldo, ma ho capito subito che ci aspettavano un sacco di sorprese. 🙂

L’unione di contemporaneità e storia genera sempre in me stupore e curiosità. Mi ha affascinato la cura dei particolari e la presenza di tantissimi giovani artisti del mondo, che hanno creato appositamente per l’evento un’opera specifica.

Anche a Riccardo è piaciuta molto e ci siamo soffermati anche a parlare con uno dei custodi ( volontario, come tutti quelli che erano presenti in biglietteria).

Credo sia stata la mostra più bella che abbia mai visitato qua in zona. Non sembra nemmeno organizzata in territorio biellese: originale, curata, interessante( ma c’è lo zampino della provincia di Torino).Vi lascio alle immagini che ho scattato con il mio fido e vetusto nokia 😀

057

l’uomo che guarda!

060

una favola in un prato

034

soffione

043

omaggio alle risaie

024

ego

012

trame

008

case volanti

La serata si è poi concluso a San Nazzaro Sesia, altro luogo che vi consiglio di visitare per il piccolo borgo con chiostro medioevale, conservato grazie allo sforzo e al sacrificio della piccola comunità di San Nazzaro. Una cena tipicamente estiva ha deliziato i nostri palati: dopo la storica raviolata che ogni anno ci vede presenti, siamo tornati per la  cena con antipasti misti con mortadella di fegato, salame cotto e salame sotto grasso, con insalata russa; ravioli fatti in casa; frittura di maiale con semolino, per finire crema catalana. Il bello di queste sagre è che paghi circa 20 euro e mangi tutto quello che vuoi, anche più volte perché passano sempre a chiederti se ne vuoi ancora. 😀

Per me e Riccardo è praticamente un invito a nozze!!!!

075

io e Riki

523969_494838697251737_954907151_n

io e Marco 😀

010

chiostro di San Nazzaro Sesia

Visitate questi piccoli paesi, dove la cordialità di chi ci abita e organizza eventi renderà la vostre scorribande ancora più piacevoli. Io ci torno ogni anno e non riesco a immaginarmi il mese di luglio senza la mia raviolata preferita! 😀

Annunci