Sapete quando si attraversa un periodo irto di difficoltà, in cui avanzare è faticoso, doloroso, e ogni pensiero diventa macigno? Ecco, oggi è così e io ho voglia di farmi delle domande stupide, sciocche, leggere, per sentirmi più lieve e concedermi qualche pensiero normale.

226794_470628719672735_1755231814_n

foolish

Voglia di leggerezza, voglia di allegria, voglia di svegliarsi in un posto diverso, in una vita nuova, per vedere com’è.

 

  1. Perché Moreno ha vinto Amici? Preferivo Greta, mai che vinca uno che piace a me.
  2. Perché Gabri Ponte mette quelle scarpe orrende?
  3. Perché il cinema costa così caro, che dopo Cannes ho mille film da vedere e al cinema è meglio?
  4. Perché se non mangio niente la mia pancia si gonfia come una mongolfiera?
  5. Perché quando chiedo un vodkamartini me lo portano on the rocks, 80 martini, 20 vodka??? E perché non posso aggredire il barista che lo ha preparato chiamandolo bestia???
  6. Perché ogni volta che devo uscire piove?
  7. Perché ho i capelli a spinacio da due mesi?
  8. Perché quando devo fare una torta, urgentissima, finisco il lievito e i negozi sono chiusi?
  9. Perché la gente con cui parlo non capisce un cazzo di quel che volevo dire e non capisce nemmeno quando rispiego il concetto?
  10. Perché non posso mangiare la torta che ho nel portatorte tutte le volte che vorrei, come quando ero giovane e sana?
  11. Perché le persone non capiscono l’ironia con cui descrivo le cose?
  12. Perché non posso dire un Vaffanculo ogni volta che ne ho voglia e soprattutto a chi se lo merita?
  13. Perché a Songpop sbaglio sempre le solite 3 canzoni? E perché ci sono ‘ste categorie che nessuno conosce? Chi caz… è lo zio Cracker??????
  14. Perché la gente non sorride quasi mai?
  15. Perché la gente parla senza sapere e quando parli non ti ascolta?
  16. Perché non posso trasformarmi in Hulk ogni volta che mi fanno incazzare?
  17. Perché devo essere presa in giro se guardo SOS TATA?

 

 

Ecco, queste sono le domande sciocche a cui non presto mai attenzione, ma che vagano nella mia mente. Oggi ho voglia di essere leggera, non ho voglia di pensare che ormai sono in mezzo al ciclone e sto per esser risucchiata e spedita in Burkina Faso.

Non ho voglia di essere sempre seria, di pensare perennemente alla catastrofe, perché non aiuta e non fa bene. Ho voglia di sano cazzeggio, merce rara che non posso permettermi da una vita. Grazie blog, che me lo concedi ancora.

Annunci