Quante volte, da piccola, ho riso guardando la serie dell’A-TEAM. Mi divertivo come non mai, a vedere storie a lieto fine, dove non moriva mai nessuno e il bene trionfava sempre. Alla sera, quando vado da Riki, ci riguardiamo pure le repliche in tv.imagesCAZVJ6XI

I piani ben riusciti di Hannibal sono rimasti nei miei ricordi, tanto che l’altra sera ne ho attuato uno.

Ah, che soddisfazione un piano ben riuscito. La vittima non poteva essere che lui, Riccardino Fuffolo.

Inizialmente non doveva essere uno scherzo, ma si sa, le zingarate nascono da sole, non hanno tempi prestabiliti, sono una “partenza senza meta e senza scopi”. Vi allego il link dell’originale, grandioso film Amici Miei cui da sempre mi ispiro:

http://www.youtube.com/watch?v=nLuaXKtqhrU

Sì, amo fare scherzi, è parte della mia natura e lì per lì, martedì sera, non ci avevo pensato a fare una bischerata, ma, mandato un laconico messaggio a Riccardo “ Devo dirti una cosa bella dopo”, è  nato in me lo spirito birbantello.

In realtà dovevo dirgli che mi han fatto una proposta di lavoro interessante, cui devo dir grazie a mia zietta Gi, e invece si è insinuato in me lo spiritello dispettoso che con una vocina mi diceva: “Uh, ti ha risposto subito, è curioso, perché dirgli la verità e rispondere subito?”

Così ho aspettato a rispondere, ho preparato la cena, visto che veniva a mangiare da me.

Che dirgli? Caso vuole che sian parecchi giorni che si parlava di mamme, panze, mammanze, attese e pargoletti con l’amica del cuore.

Non importa se hai l’endometriosi, non importa se hai una tuba chiusa, non importa niente, pensa che bello scherzo sarebbe se….

L’ometto è arrivato contento, dopo una seduta dal dentista (!!!!) e curioso, anche per il mio silenzio.

Io ho assunto le sembianze di una donnina felice, custode di un goloso segreto. Mentre rigiravo il risottino alla zucca fatto con tanto amore, pavoneggiandomi come una sposina, lui mi abbracciato di schiena e mi ha dato un bacetto, sussurrandomi quel che mi aspettavo:” Cosa dovresti dirmi di bello, cara?”  E lì non ho resistito, ho sospirato, ho sorriso, ho fatto la faccia più mammosa che conoscessi e ho detto: “Sono incinta!”.

Reazioni:

  1. arresto del battito cardiocircolatorio;
  2. balzo all’indietro con occhio sbarrato e respiro strozzato
  3. sguardo supplichevole e interrogativo che pareva dire: “Come è possibile? Oh Madonna, oh mamma, ciao bici, ciao vita, ciao giochi di guerra on line ..moriremo tutti!!!!!!!!!!!”

L’idea era quella di tirar avanti lo scherzo almeno per un paio di giorni, ma il pallore di Riccardino Fuffolo mi ha fatto desistere, temendo:

1) un suicidio

2)un omicidio con conseguente suicidio

3)la paralisi con corsa al pronto soccorso

E così, mi sono arresa alle risate che soffocavo e gli ho detto: “Scherzeeeeeeetto!!!!!!!”hannibal

Quanto ridere, mamma mia se sono babbionetti i maschietti di fronte a certe eventualità. Ma come faccio a essere incinta se ho avuto il ciclo nemmeno 7 giorni fa?

Ah, il piacere di un piano ben riuscito.

Concludo citando il piccolo Riki: “Bhè, dai, non ho detto che sarebbe proprio una tragedia, cioè, sono cose che capitano….cose ANCHE belle.”

ahahhahahahhahahahhahhah!!!!!!!!!!!!

Annunci